BudapestSi è svolto con successo l'incontro online organizzato dalla scuola di Budapest "Europa2000", partner del progetto Erasmus+ "E-nvironclusion". Nella mattinata di lunedì 25 gennaio una rappresentanza di studenti del Rapisardi-Da Vinci ha avuto modo di confrontarsi con i coetanei ungheresi, spagnoli e lituani presentando videointerviste e i dati delle ricerche effettuate.

maggiori dettagli nella newsletter

0
0
0
s2sdefault

LETTURESOTTOLALBERO2020Anche quest’anno i bibliotecari organizzano l’iniziativa #LETTURESOTTOLALBERO ma con una modalità inconsueta! Non aspettatevi gli assembramenti intorno alle bancarelle per curiosare tra i volumi proposti o le lunghe file per il prestito dei vostri volumi preferiti! Dobbiamo rinunciare per motivi di emergenza sanitaria all’apertura straordinaria della Biblioteca. Ma il virus benefico della lettura non si ferma! Stiamo attivando il servizio di prestito digitale che consentirà a studenti, famiglie e a tutto il personale scolastico di scaricare gratuitamente libri in formato digitale, leggere quotidiani e periodici italiani e stranieri, consultare risorse digitali gratuite online e tanto altro. Le credenziali per accedere al servizio saranno attivate a breve.
Edizione 2018 (link: https://33settimane.wordpress.com/2018/12/25/letturesottolalbero-2/)
Edizione 2017 (link: https://33settimane.wordpress.com/2017/12/20/letturesottolalbero/)

0
0
0
s2sdefault

scarpe rosse contro al violenza sulle donne 580713.610x431TRATTO DA UNA STORIA VERA
TUTTO ERA FRUTTO DI UNA FORTE GELOSIA QUASI A DIVENTARE “POSSESSIONE”.
LA VITA DI LEI SI ANNULLAVA SINO A SENTIRSI UN OGGETTO: LEI SI PRIVAVA DI AVERE UNA VITA SOCIALE, DI ESPRIMERE I PROPRI SENTIMENTI E I PROPRI PENSIERI PER PAURA DI PROVCARE REAZIONI VIOLENTE O, PEGGIO ANCORA, RISCHIARE DI PERDERLO.
LA PERSONA CHE PER LEI ERA LA Più IMPORTANTE DEL MONDO, ERA LA STESSA CHE NON PERDEVA OCCASIONE PER CREARE SCENATE ISTERICHE IN UN SUSSEGUIRSI DI INSULTI, Più O MENO GRAVI, MA SENZA DUBBIO OFFENSIVI.
ALLA FINE DI OGNI LITE, LUI SI SENTIVA PIù LEGGERO; DOPO AVER DATO SFOGO A TUTTO IL SUO EGOISMO, NON PENSAVA A LEI, FERITA, ADDOLORATA, LACERATA FINO AL MIDOLLO, CHIUSA IN UN PROFONDO SILENZIO SENZA REPLICHE, SENTENTOSI SBAGLIATA.
UN GIORNO LA DISCUSSIONE SI FECE PIù ACCESA DEL SOLITO, QUANDO IN UNA FRAZIONE DI SECONDO PARTì UNO VIOLENTO SCHIAFFO…E, AD UN TRATTO, CALò IL GELO!
LUI PENSò CHE CON QUEL GESTO AVESSE SUPERATO OGNI LIMITE; VENNE TRAVOLTO DA UN SENSO DI PREOCCUPAZIONE E AL TEMPO STESSO DI RIMORSO, LEI CON LA PAURA DI PERDERLO…
MA L’ORGOGLIO E L’EGOISMO PRENDONO IL SOPRAVVENTO SUL SENTIMENTO. LEI LO PERDONò E SENZA BELLE PAROLE, MA CON SEMPLICI GESTI, CAMBIò IL LUI IL MODO DI ESTERNARE QUEL “FORTE” SENTIMENTO, ESTERNARLO IN MODO RAZIONALE.
LO APPOGGIò IN TUTTE LE SUE SCELTE; GLI FU VICINA NELLE GIOIE E SOPRETTUTTO NEL DOLORE.
COSì PICCOLA, INGENUA, INNOCENTE E IGNARA DI TUTTA LA MALVAGITà DEGLI UOMINI, GLI INSEGNò AD AMARE INCONDIZIONATAMENTE.
AD OGGI, LUI DAREBBE LETTERALMENTE LA VITA PER LEI ED è FERMAMENTE CONVINTO CHE LA “DONNA” è IL DONO Più PREZIOSO CHE DIO ABBIA FATTO AL MONDO INTERO.

DA PICCOLI VENIAMO ACCUDITI, COCCOLATI, PROTETTI, VIZIATI…
DA ADOLESCENTI CI FANNO BATTERE IL CUORE…
DA ADULTI CI REGALANO FORTI EMOZIONI E BELLE SENSAZIONI
E SEMPRE LORO, LE DONNE, CI REGALANO I DONI PIù PREZIOSI DEL MONDO…I FIGLI!
SONO COLORO CHE PORTANO AVANTI, CON ONORE, LA FAMIGLIA E CI FANNO SENTIRE UNICI E SPECIALI AD OGNI LORO GESTO.
SONO SEMPRE LORO CHE CI ACCOMPAGNERANNO FINO ALLA FINE DEI NOSTRI GIORNI.
SONO SEMPLICEMENTE LA PARTE MANCANTE, FONDAMENTALE, CHE CI COMPLETA PER DARE UN SENSO ALLA NOSTRA VITA!
LE DONNE!

 

ITET “M. RAPISARDI- L. DA VINCI” CALTANISSETTA
DIP. ADULTI C.C. CALTANISSETTA
CLASSE 2G1

 

FEMMINICIDIO E VIOLENZA SULLE DONNE

L’08 MARZO, IN TUTTO IL MONDO, SI FESTEGGIA LA “FESTA DELLA DONNA”, ANCHE SE AI GIORNI NOSTRI QUESTA FESTA HA PERSO GRAN PARTE DELLA SUA VERA ESSENZA, TRASFORMANDOSI SOLO IN UN BUSINESS PRIVO DEI VERI IDEALI PER CUI è STATA PROMOSSA. NON BISOGNA DIMENTICARE LA VERA ESSENZA DI QUESTA RICORRENZA; TUTTE LE LOTTE E LE PREVARICAZIONI CHE LE DONNE HANNO DOVUTO COMBATTERE E VINCERE PER ARIVARE ALL’AGOGNATA PARITà DEI DIRITTI.
MA OGGI, PURTROPPO, LE DONNE DI TUTTO IL MONDO SONO CHIAMATE A COMBATTERE UNA NUOVA GUERRA… E PER QUANTO IL TERMINE GUERRA POSSA SEMBRARE UN TERMINE FORTE, CON UNA MEDIA DI 3 FEMMINICIDI AL GIORNO, è PROPRIO DI QUESTO CHE SI PARLA…DI UNA VERA E PROPRIA GUERRA.
PERSONALMENTE NON RIESCO A CAPIRE COSA POSSA SPINGER UN UOMO, ANZI UN ALTRO ESSERE UMANO (perché UN VERO UOMO PROTEGGE SEMPRE LA PROPRIA COMPAGNA, ANCHE QUANDO L’AMORE FINISCE) AD UCCIDERE UNA DONNA, SPESSO MADRE DEI PROPRI FIGLI. PER QUANTO MI POSSA SFORZARE, NON TROVO NIENTE DI PLAUSIBILE! PERCIò POSSO SOLO IPOTIZZARE.
CREDO CHE AI GIORNI NOSTRI, IL GENERE MASCHILE SI SENTA ERRONEAMENTE MINACCIATO DA QUESTA PARITà DI DIRITTI CHE LE DONNE HANNO COSì CAPARBIAMENTE RAGGIUNTO.
DOPO MILLENNI IN CUI LA DONNA è STATA SOTTOMESSA ALL’UOMO, CREANDO COME UNA SORTA DI MENTALITà/CULTURA SBAGLIATA, IN CUI ERA L’UOMO A DOVER DECIDERE E LA DONNA ERA SOLO UN OGGETTO COSTRETTA A SUBIRE LE DECISIONI SENZA ALCUNA VOCE IN CAPITOLO, OGGI LA SOCIETà MODERANA CI HA FATTO CAPIRE CHE NON è COSì, CHE SIAMO UGUALI, SIA DONNE CHE UOMINI, CHE ANZI SIAMO DEL TUTTO COMPLEMETARI, COME DUE FACCE DI UNA STESSA MEDAGLIA, DOVE L’UNO è IL COMPLETAMENTO DELL’ALTRO.
MA COME INSEGNA LA STORIA, LE BRUTTE ABITUDINI SONO DURE A MORIRE E CREDO NON SARà FACILE ESTIRPARE QUESTO MALE CHE STA AVVELENANDO LA NOSTRA SOCIETà. OGGI C’è UN BARLUME DI SPERANZA IN PIù, perché LE NUOVE GENERAZIONI STANNO ESTIRPANDO QUESTE RADICI PROFONDA CHE PER MILLENN CI SONO STATE “INCULCATE”.
PER QUANTO MI RIGUARDA, CREDO DI ESSERE MOLTO FORTUNATO perché MI SENTO DI ESSERE STATO “VACCINATO” CONTRO QUESTO BRUTTO “VIRUS” CHE OGGI SEMBRA INARRESTABILE E DILAGA IN TUTTO IL MONDO. MA IL VACCINO ESISTE! SI CHIAMA “EDUCAZIONE”. NON è DIFFICILE DA REPERIRE; BASTA SOLTANTO EDUCARE LE NUOVE GENERAZIONI SENZA GLI STUPIDI E ORRENDI SEREOTIPI CHE HANNO PORTATO A PENSARE CHE è L’UOMO A DOVER COMANDARE E PRENDERE TUTTE LE DECISIONI. LE DONNE NON SONO COME UNA PROPRIETà, MA UN DONO DA TUTELARE E RISPETTARE.
CERTO, IN QUESTO GIORNO DEDICATO ALLE DONNE, è FACILE PARLARE DI NOBILI PROPOSITI: IO CREDO CHE LE DONNE DEBBANO ESSERE FESTEGGIATE E OSANNATE TUTTI I GIORNI DELL’ANNO, NON SOLTANTO L’08 MARZO.
IN QUESTO PARTICOLARE GIORNO, VOGLIO DARE IL MIO PERSONALE CONTRIBUTO NON TANTO CON PAROLE DI CONFORTO E VICINANZA O CON LE SOLITA FRASI FATTE COME “DIETRO UN GRANDE UOMO C’è SEMPRE UNA GRANDE DONNA”, MA CON UNA MIA ESPERIENZA PERSONALE CHE ANCORA OGGI, A DISTANZA DI PARECCHI DECENNI, RICORDO COME UNA TRA LE PIù IMPORTANTI E SIGNIFICATIVE DELLA MIA VITA.
IO SONO IL SECONDO GENITO DI UNA NORMALISSIMA FAMIGLI COMPOSTA DA 4 PERSONE: PADRE, MADRE E UNA SORELLA 5 ANNI PIù GRANDE DI ME.
A CASA MIA LAVORAVANO ENTRAMBI I MIEI GENITORI E GIà QUESTO ERA ALL’AVANGUARDIA NEGLI ANNI ’80 perché VIGEVA ANCORA L’ARCAICA MENTALITà CHE ERA L’UOMO ADOVER PORTARE IL “PANE” A CASA E LA DONNA DOVEVA BADARE ALLA CASA E A I FIGLI. MA, GRAZIE A dIO, MIA MAMMA è SEMPRE STATA UNA DONNA LUNGIMIRANTE, LONTANA DAGLI STEREOTIPI E I LUOGHI COMUNI E RIUSCì A FARE CAPIRE A MIO PADRE CHE DUE STIPENDI AL MESE SIGNIFICAVANI PIù BENESSERE E MAGGIORI OPPORTUNITà.
LAVOORAVANO ENTRAMBI COME IMPIEGATI FORESTALI, PERCIò ERO SOVENTE LASCIATO ALLE AMOREVOLI CURE DALLA MIA SORELLA PIù GRANDE, CHE PIù CHE UNA SORELLA MAGGIORE ERA UNA SECONDA MAMMA. UN GIORNO, AVEVO CIRCA 7 ANNI, I NOSTRI GENITORI AVEVANO REGALATO A MIA SORELLA UNA RADIO CON REGISTRATORE. IO CI VOLEVO GIOCARE, COSì MENTRE MIA SORELLA SI STAVA ASCOLTANDO LA CASSETTA DI SAN REMO, DISPETTOSAMENTE CI REGISTRAI SOPRA ROVINANDO LA CASSETTA DI MIA SORELLA. LEI MI PRESE LA RADIO DALLE MANI PER CERCARE DI SALVARE LA CASSETTA, MA IO MI ARRABBIAI TANTO COSì MI AVVICINAI A MIA SORELLA E LE DIEDI UNO SCHIAFFO. MIA SORELLA NON REAGì, NON USAVA MAI LE MANI, SI MISE SOLO A PIANGERE. MIA MADRE CHE AVEVA VISTO TUTTA LA SCENA, LASCIò QUELLO CHE STAVA FACENDO E VENNE DI CORSA VERSO DI ME. VIDI SUBITO CHE ERA MOLTO ARRABBIATA! MI ALZò E MI MISE SEDUTO SUL TAVOLO DELLA CUCINA; MI GUARDò SERISSIMA E MI CHIESE COSA AVESSI FATTO. RARAMENTE, PER QUANTO PESTIFERO, AVEVO VISTO MIA MAMMACOSì SERIA E COSì ARRABBIATA. A QUEL PUNTO CAPII DI AVER AFATTO QUALCOSA DI VERAMENTE GRAVE. MI GUARDò NEGLI OCCHI E MI DISSE UNA COSA CHE è RIMASTA INCISA NELLA MIA MENTE: MI DISSE CHE MIA SORELLA ERA UNA DONNA E CHE LE DONNE NON SI DOVEVANO TOCCARE NEPPURE CON UN FIORE; CHE IO COME UOMO AVEVO IL COMPITO E IL DOVERE DI PROTEGGERE MIA SORELLA, PRIMO perché ERA MIA SORELLA E POI perché ERA UNA DONNA…perché ERA QUESTO CHE FA UN VERO UOMO.
ANCORA OGGI LO RICORDO COME FOSSE IERI ANCHE SE SONO PASSATI PIù DI 30 ANNI. QUELLE PAROLE MI SI SONO SCOLPITE NELLA MENTE E DA ALLORA NON HO PIù ALZATO UNA MANO CONTRO UNA DONNA.
DALLA MIA ESPERIENZA PERSONALE DEDUCO CHE L’UNICO VACCINO CONTRO QUESTO VIRUS DELL’ODIO, SIA L’EDUCAZIONE CHE VIENE INCULCATA ALLE NUOVE GENERAZIONI E PER QUESTO SONO MOLTO SPERANZOSO CHE PRESTO LE COSE MIGLIORERANNO!
IN CONLCLUSIONE VOGLIO SOLO MANDARE UN MESSAGGIO A TUTTE LE DONNE CHE OGGI ASCOLTANO E CHE SONO VITTIME DI VIOLENZA: NON è UNA GUERRA FRA UOMINI E DONNE…SONO CERTO CHE CI SONO UOMINI CHE SARANNO SEMPRE VOSTRI ALLEATI E SONO PRONTI A COMBATTERE AL VOSTRI FIANCO, VI SOSTERRANNO E AIUTERANNO. LOTTATE perché NON SIETE SOLE!!!
GRAZIE.

SALVATORE
ITET “M. RAPISARDI- L. DA VINCI” CALTANISSETTA
DIP. ADULTI C.C. CALTANISSETTA
CLASSE 2H1

 

0
0
0
s2sdefault

Maker2020 1La pandemia continua a segnare ogni ambito costringendo a modificare ogni abitudine e obbligandoci a trovare forme alternative alle normali attività. Anche la scuola non è stata esente e si è trovata in un contesto pieno di ostacoli. Nonostante ciò, anche quest’anno, l’ITET “Rapisardi Da Vinci” di Caltanissetta è stata selezionata per partecipare all’edizione 2020 della “Maker Faire – The European edition” che si svolgerà on-line nei giorni 11, 12 e 13 Dicembre registrandosi sul sito https://makerfairerome.eu/it/ . La Maker Faire è una fiera in cui inventori da ogni parte del mondo si incontrano e si confrontano su tecnologia ed innovazione. Nell’ambito della fiera vengono ospitati quei progetti che possono servire da spunto ad idee innovative nel campo dell’industria 4.0. Per tale ragione, un team di esperti seleziona, ogni anno in ambito europeo, le idee più interessanti.

Maker2020 2I nostri ragazzi hanno abbracciato da alcuni anni lo spirito dell’inventiva e della progettualità caratteristici della manifestazione che dal 2013 si svolge a Roma e che dal 2015 ospita le idee degli studenti del nostro Istituto che si sono distinti, in ambito europeo, per competenze informatiche, elettroniche ed originalità. 

Il progetto è stato realizzato da alunni della VB Informatica e Telecomunicazioni, Barreca Salvatore, Bruno Roberto, Fenu Fabiano, Galletti Francesco, Iacona Sofia, La China Andrea, Privitera Davide, Serto Flavio e Vancheri Felice supportati dai proff. Fabio Capraro e Manuela Musumeci.
Il dispositivo, denominato V-EAR, rientra nella categoria degli ausili per i portatori di handicap, nello specifico per i non udenti.

Maker2020 3All’apparenza è un semplice cappellino o un paio di occhiali alla moda ma racchiude una tecnologia in grado di far sentire a proprio agio chi vorrebbe partecipare ad una discussione ma ha problemi uditivi che non gli consentono di farlo agevolmente. Il dispositivo permette la traduzione di parole e frasi in testo visualizzabile su appositi display. È sufficiente installare l’applicazione, creata dai ragazzi, sul proprio smartphone Android e collegarlo via bluetooth al dispositivo. Nel momento in cui qualcuno ci rivolgerà la parola, mediante un semplice tocco sul nostro device, le frasi saranno inviate dallo smartphone al dispositivo e vedremo scorrere sul display le parole del nostro interlocutore.

0
0
0
s2sdefault
Vai all'inizio della pagina